Questa città




Arte e cultura, Bari | Pierangelo Indolfi | 13 maggio 2010 alle 16:47

Il problema è che siamo troppo fighettini e ci sembra che tutto sia tranquillo. Buongiorno, buonasera, sorrisi, entri in salumeria paghi e ti danno il resto con grande gentilezza. Insomma, la mafia c’è ma non si vede, quindi non esiste.

Poi magari capita il funerale del boss e tu affacciato al balcone vedi che dietro il feretro ci sono centinaia di persone, e non può essere che siano tutti parenti, compreso il salumiere.

Vorrà dire che la criminalità organizzata esercita una pressione asfissiante sui quartieri, sui singoli e sulle attività produttive, che noi neanche ce la immaginiamo. Ed è un ostacolo a qualsiasi ipotesi di cambiamento, un macigno sulla democrazia e la libertà.

Però i ragazzi iniziano a non poterne più e lo dicono, senza preoccuparsi di mettere in cattiva luce una città che li odia e che loro amano.

Guardate questo video di un rapper nostro concittadino e dite che cosa ne pensate.

Tags: , ,

Ti è piaciuto questo articolo? CONDIVIDILO!


Bari su Facebook: ti piace? Sottoscrivi il nostro feed RSS

Citycool su Facebook





Articolo scritto da Pierangelo Indolfi

Pierangelo Indolfi Pierangelo Indolfi Informatico da lontani tempi non sospetti, giunto ora alla release 2.0. Meridionale da generazioni, concilia la passione per la tecnologia con il piacere di scrivere, specialmente sul web, e cerca una sintesi di se stesso nell'esperienza quotidiana di insegnante nella scuola pubblica.
Sito: http://suitetti.blogspot.com


Lascia un commento